lunedì 22 dicembre 2014

Giovanna a Davide


Mio caro Davide, da Quando non ci sei Più, Martina mi chiede Spesso di te. Lei ti chiama Ancora Simone. Ma presto le racconterò la tua storia. Ieri al lavoro, per la prima volta mi Hanno Chiesto di tariffa ONU dolce da sola. Indovina Quale Gli ho Fatto? Il capo pasticciere non ha Fatto commenti, però l'ha aggiunto alla lista di Quelli da preparare per la domenica. Credo Che sia Un buon segno. Filippo e riuscito a farsi Cambiare di turno. Sembrava Che Avessé Vinto la lotteria. Era Così entusiasta, e io capito Ho Che per il Momento Non Posso chiedergli di Più. Sai, Quando penso a Lorenzo, ho paura di Avere Già cominciato a dimenticare il Suo volto, un non Ricordare Più la SUA voce. Cosa Stará Facendo in this Momento? A chi STARA Sorridendo? Ho Ancora bisogno di Una Tua Parola, Davide, di ONU Tuo sguardo, di ONU Tuo gesto. Ma poi allimprovviso sento i Tuoi gesti nia miei, riconosco ti Nelle mie parole. Tutti Coloro Che se ne Vanno, ti lasciano sempre addosso un po di sè? E  questo il segreto della memoria? Se E COSI Allora, mi sento Più sicura Perché So Che non sarò mai sola ... "

Nessun commento:

Posta un commento